Lenovo PHAB2 Pro è il primo phablet Android basato su Project Tango. Trattasi, dunque, del primo prodotto ad integrare la tecnologia sviluppata a lungo da Google che permette di integrare funzionalità avanzate di realtà aumentata. Gli oggetti e le informazioni visualizzate sullo schermo del Phab 2 Pro saranno, infatti, sovrapposte all’ambiente circostante. I possessori, dunque, potranno misurare gli oggetti utilizzando semplicemente il telefono, visualizzare complementi di arredo, come un nuovo tavolo o un divano, oppure giocare con un cucciolo virtuale. Lenovo Phab 2 Pro è stato presentato durante l’evento evento Tech World di giugno 2016 che si è tenuto a San Francisco.

Lenovo Phab 2 Pro: specifiche

Realizzato in un elegante monoblocco in alluminio, il phablet Lenovo Phab 2 Pro presenta misure pari a 88,57 mm x 179,83 mm per 259 grammi, dovute prevalentemente all’introduzione di uno schermo di dimensioni piuttosto generose.

 

Lenovo Phab 2 Pro, infatti, dispone di un display touch IPS da ben 6.4 pollici con risoluzione QHD (2.560 x 1.440 pixel, 459 ppi e curvo 2,5D). Il primo phablet Android con tecnologia Tango integra un processore octa core Qualcomm Snapdragon 652 esplicitamente ottimizzato per supportare questa tecnologia. Sicuramente non è un processore di ultima generazione o il più potente sul mercato ma il lavoro di ottimizzazione portato avanti da Lenovo e Google dovrebbe consentire l’utilizzo della tecnologia Tango senza alcun problema. Accanto allo Snapdragon 652, Lenovo Phab 2 Pro integra, anche, 4GB di memoria RAM ed una memoria Flash da 64GB espandibile attraverso le memorie microSD sino a 128GB.

Per quanto concerne l’apparato telefonico, questo phablet dispone di uno slot ibrido dove inserire o due Nano SIM oppure una Nano SIM ed una schema microSD. Molto curato anche l’impianto multimediale con tre microfoni con tecnologia di eliminazione dei rumori attiva e supporti Dolby Atmos / Dolby Audio Capture 5.1. Presente il Jack per le cuffie da 3,5 mm. Non mancano anche tutti quei sensori e supporti oggi immancabili per un terminale di questa fascia come il WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, il GPS, il Bluetooth 4.0, l’LTE ed il lettore per le impronte digitali.

La batteria da 4.050 mAh con sistema di ricarica rapida dovrebbe garantire una discreta autonomia che Lenovo dichiara sino a 13 giorni in standby e sino a 18 ore in conversazione. Dal punto di vista software, Lenovo Phab 2 Pro dispone di Android 6.0, Marshmallow. Lenovo ha precaricato all’interno del phablet anche i software McAfee Security, Netflix e SwiftKey. Colori disponibili: Oro “champagne” e Grigio “canna di fucile”.

Fotocamera e Project Tango

Baricentro di Project Tango le due fotocamere del Lenovo Phab 2 Pro che non sono state scelte a caso solamente per scattare foto di panorami o per i selfie. Posteriormente, infatti, Lenovo ha inserito un sensore da RGB da 16 MP con messa a fuoco veloce, sensore di prossimità e sensore di tracciamento del movimento/obiettivo emisferico. Anteriormente, invece, trova posto un sensore da 8 MP a fuoco fisso con apertura F2.2 e pixel maggiorati da 1,4 μm. Grazie all’utilizzo delle fotocamere e dei sensori, il Lenovo Phab 2 Pro riesce ad effettuare una completa e precisa scansione dell’ambiente circostante rilevando la profondità della stanza, gli eventuali oggetti presenti e consentendo, così, di poter sovrapporre oggetti digitali all’ambiente reale grazie all’utilizzo della realtà aumentata.

La tecnologia di Project Tango potrà trovare molte applicazioni, sia in ambito di intrattenimento che per fini professionali. Un architetto, per esempio, potrà visionare la disposizione dei mobili all’interno di una stanza prima di cominciare ad arredarla.

Il successo di Project Tango dipenderà molto dalle software house che dovranno sviluppare applicazioni ad hoc per questa tecnologia. In questo il ruolo del Lenovo Phab 2 Pro è di apripista, configurandosi come il primo smartphone a poter dire qualcosa di concreto in proposito. Probabilmente funge da vittima sacrificale, godendosi la vetrina di primo vero device “Tango”, ma al contempo pagando l’assenza di applicazioni in grado di sviscerarne il vero valore potenziale. Le prime recensioni sono pertanto di duplice valore: chi ne esalta i margini di sviluppo, chi ne boccia il progetto attuale, per un device che sicuramente si contraddistingue in quanto a peculiarità.

Prezzi e disponibilità

Lenovo Phab 2 Pro dovrebbe debuttare in Italia nel corso del mese di dicembre ad un prezzo consigliato al pubblico di 499 euro.

SHARE